x

Il sito lalepreedizioni.com utilizza cookies tecnici e consente l’invio di cookies di "terze parti".

Per maggiori informazioni sull’uso dei cookies, cliccare qui INFORMATIVA ESTESA.

Si informa che la prosecuzione della navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso comporta la prestazione del consenso all’uso dei cookie.

la lepre edizioni la lepre edizioni
Ricerca veloce
Facebook
Twitter
YouTube
articoli e recensioni
IL LABIRINTO DEI SARRA
IL LABIRINTO DEI SARRA
Collana: Visioni
ISBN: 978-88-96052-24-2
Pagine: 304
Data di pubblicazione: maggio 2010
 
Prima o poi vedrete comparire laggiù l’immortale dio Pan
atlantidezine.it, 26 Maggio 2010
Lungo la provinciale per Borgo San Rocco, a un passo dalle Falde della Maiella, una Mercedes bianca a stento s’adegua alla lentezza di un trattore che, come fosse la statua della processione del Venerdì Santo, si porta dietro una fila di macchine. Nella mercedes, un ragazzo alto e bruno dagli occhi chiari, suo zio Saverio e una coppia di anziani. Il ragazzo si chiama Alessandro, non è mai stato in quella casa, non è mai stato nemmeno in quel piccolo paese; l’idea di scoprire i luoghi dell’infanzia della madre, dello zio, lo incuriosisce ma in qualche modo anche lo inquieta.

Tra mura scrostate e sentore di muffa, tra divani e mobilio coperto da panni scoloriti dal tempo; tra protonotari incorniciati che, ostinatamente, tornano al posto da loro scelto e nella scia del profumo di primavera che una ragazza, Ambra, bellissima e bruna si lascia alle spalle, Alessandro ripercorrerà l’esistenza dei suoi avi, a ritroso, molto a ritroso, fino a imbattersi in un essere, l’ultimo superstite degli dèi pagani, Nereus, che da millenni veglia sulle sorti della casata. Nereus, “che amava definirsi stupratore di ninfe, compagno di dèi e d’eroi” ora relegato in una calma anonima, buia e piatta, racconta e spiega di come, sin dalla Roma imperiale fosse indissolubilmente legato alla famiglia Sarra e avesse sempre cambiato il destino di tutti coloro che si fossero imbattuti in lui. Come il suo flauto con Nereus, Ambra accompagna Alessandro in questa sua esplorazione alla scoperta di legami reali e onirici e la sua essenza si fa sempre più affascinante, sempre più misteriosa.

Nereus stesso sostiene che “Ogni buona storia è come l’Acqua Profonda: va dall’abisso alle stelle e viceversa. Ma il come e il quando lo sanno solo il Tempo e il Destino”.

Il Tempo e il Destino chiudono la prima parte del romanzo e aprono la seconda sfumando i contorni del reale con eccezionale maestria. Ritoccando di malinconia tratti decisi, panici e traboccanti di vita; ritoccandoli con la nostalgia di un tempo passato, di un tempo sconosciuto, immaginato.

Lo stile di questo romanzo è unico, frasi brevi, efficaci nel rendere anche il più umile dettaglio. Una lingua dal sentore antico come certi marmi e proprio come il marmo venata e innervata di timbri selvatici, di dialetto e radici. Un testo fantasy nel vero e proprio senso della parola e non solo per genere, che procede per resa d’immagini e di splendide ne dipinge.

Leggi l'articolo su  atlantidezine.it


  Note Legali | Dati Societari La Lepre Edizioni S.r.l. P.IVA 09643191001 Policy Privacy | Informativa Cookie