x

Il sito lalepreedizioni.com utilizza cookies tecnici e consente l’invio di cookies di "terze parti".

Per maggiori informazioni sull’uso dei cookies, cliccare qui INFORMATIVA ESTESA.

Si informa che la prosecuzione della navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso comporta la prestazione del consenso all’uso dei cookie.

la lepre edizioni la lepre edizioni
Ricerca veloce
Facebook
Twitter
YouTube
Torna alla collana 'Visioni'...
IL DISORDINE DELLE COSE
Collana:

Visioni

ISBN:

9788896052938

Pagine:

140

Data di pubblicazione:

ottobre 2014

Euro: 12.00
IL DISORDINE DELLE COSE SILVIA PINGITORE

Con il suo nuovo romanzo Il disordine delle cose la giovane scrittrice romana Silvia Pingitore ci offre il ritratto fra concretezza e ironia di una generazione tradita, che non ha santi in paradiso né il coraggio di ribellarsi al furto di futuro subito dai propri padri.
Quella stessa generazione che oggi fugge dall’Italia nella speranza di trovare un lavoro, ma soprattutto un’identità e un ruolo diverso nel teatro del mondo.
Al centro della sua agrodolce istantanea dell’Italia odierna, tra atenei improbabili e slot machine, arrampicatori sociali e progressisti fasulli, sogni frustrati e desideri segreti, l’autrice ha voluto una protagonista assolutamente antieroica come la ventenne Lucia Fellini, desolatamente povera a dispetto del cognome altisonante: una ragazza che come molti altri coetanei inanella giorni sbiaditi e cerca di seguire l’onda senza farsi troppo male, facendo i conti anche con la propria patologica timidezza.
Lucia appare come predestinata perdente fra i perdenti, finché con l’incoscienza di chi ha ben poco a cui rinunciare decide di spezzare il suo guscio e se ne va, in fondo senza sapere se per una manciata di giorni o per sempre.
La posta in palio è scoprire se il disadattamento è un inevitabile marchio a fuoco o semplicemente una condizione indotta, che altrove potrà svanire.
Più casuale di un lancio di moneta la scelta cadrà sulla Finlandia, evocata nei monotoni giorni romani dai versi del poema epico Kalavala: potrà Lucia lassù, nel grande gelido Nord, sentirsi finalmente a casa propria, malgrado il gap linguistico, la distanza culturale e lo spietato disordine che governa, sempre e comunque, tutte le cose?

NOTA AUTORE "SILVIA PINGITORE"

è nata a Roma nel 1984. Nel 2004 ha vinto il Premio Moravia per un breve racconto su Roma, nel 2006 e 2007 il Premio “Poche Storie”. Nel 2008 ha pubblicato il romanzo Via Ripetta 218 (Perrone), nel 2010 il saggio umoristico Il Metodo Puffetta (Aliberti Castelvecchi). Scrive di libri su Il Venerdì di Repubblica. Attualmente vive a Londra.

condividi con: 
condividi con Twitter
Approdo o fuga?
RECENSIONI E ARTICOLI
  Note Legali | Dati Societari La Lepre Edizioni S.r.l. P.IVA 09643191001 Policy Privacy | Informativa Cookie